Peeling chimico

Peeling significa rimozione rapida ma soprattutto controllata degli strati più superficiali dell'epidermide ottenuta mediante l'applicazione di sostanze chimiche quali acidi in grado di scindere i legami che tengono unite le cellule (cheratolisi) in base alla potenza dell'agente chimico utilizzato (acido glicolico, mandelico, piruvico, salicilico, tricloracetico ecc.).

Il peeling può essere:

  • molto superficiale (distacco limitato degli elementi morti e cornificati dell'epidermide)
  • superficiale (allontanamento più o meno completo di tutte le cellule dell'epidermide)
  • medio (viene interessato dall'azione del caustico anche il derma superficiale)
  • profondo (il peeling si spinge fino al derma profondo)

 

Dopo il peeling i tessuti rimossi vengono rigenerati e si assiste ad un notevole miglioramento dell'aspetto cutaneo.

 

back to top