Protesi Mobile, Scheletrata e Fissa

iTech Business Reader application iTech Business Reader application

La protesi è un manufatto artificiale avente lo scopo di sostituire i denti perduti con i denti artificiali, al fine di restituire l'efficacia masticatoria ed estetica all'apparato dentario.

Essa infine ha anche lo scopo di ristabilire le pressioni masticatorie, nel caso di perdita di gruppi di denti, per sottrarre quelli rimasti al sovraccarico che li danneggerebbe nel loro apparato di sostegno.

Possiamo suddividere la protesi dentale in base alle modalità con le quali è ancorata al cavo orale in:

protesi fisse   ( foto foto)
protesi mobili   ( foto foto)
protesi inamovo - rimovibili   ( foto foto)
PROTESI FISSE
Trova la sua indicazione nella ricostruzione di una parte o della totalità del dente ovvero per la sostituzione di uno o più denti andati perduti.

Sono protesi di ricostruzione gli intarsi e le corone.

Gli intarsi sono ricostruzioni che interessano una o più superfici del dente, possono venir costruiti in due metodi, diretti ed indiretti. Nel metodo diretto il medico modella l'intarsio direttamente nella bocca del paziente per poi mandarlo nel laboratorio odontotecnico dove verrà fuso e rifinito. Nel metodo indiretto il medico rileva un'impronta che viene mandata all'odontotecnico il quale costruisce l'intarsio direttamente in laboratorio, rispedendolo una volta terminato al medico, che provvederà al fissaggio nella bocca del paziente.

Le corone sono ricostruzioni che interessano tutta la superficie del dente. Esistono diversi tipi di corone che differiscono per modalità di costruzione, per funzionalità e per indicazioni di utilizzo.

PROTESI MOBILI E SCHELETRATE
Trova la sua indicazione quando i denti residui nella bocca del paziente non consentono la costruzione di una protesi fissa. É costituita da una placca metallica o di resina, sulla quale sono fissati i denti artificiali, che appoggia sulle creste alveolari in corrispondenza dei denti naturali mancanti. Può essere parziale o totale.

Protesi parziali in resina o scheletrata: utilizzano come meccanismo di mantenimento della posizione, degli attacchi o dei ganci mediante i quali si fissano alla dentatura residua. A seconda della loro struttura si possono ulteriormente distinguere due tipi di protesi mobili parziali:
Protesi totali: è indicata nell'individuo edentulo e viene mantenuta in sede grazie a fenomeni di adesione molecolare che si instaurano tra la mucosa della cavità orale ed i materiali con i quali è costruita la protesi. Le protesi totali coprono la quasi totalità dei tessuti duri della bocca in modo che lo sforzo masticatorio, distribuendosi su una superficie sufficientemente estesa, eserciti una minore pressione sul tessuto osseo delle creste alveolari e di conseguenza ne riducano la velocità di riassorbimento.

back to top